Eugenio Montale – I limoni – The Lemon Trees

(original Italian below)

 

Listen: the laureled poets
stroll only among shrubs
with learned names: ligustrum, acanthus, box.
What I like are streets that end in grassy
ditches where boys snatch
a few famished eels from drying puddles:
paths that struggle along the banks,
then dip among the tufted canes,
into the orchards, among the lemon trees.

Better, if the gay palaver of the birds
is stilled, swallowed by the blue:
more clearly now, you hear the whisper
of genial branches in that air barely astir,
the sense of that smell
inseparable from earth,
that rains its restless sweetness in the heart.
Here, by some miracle, the war
of conflicted passions is stilled,
here even we the poor share the riches of the world—
the smell of the lemon trees.

See, in these silences when things
let themselves go and seem almost
to reveal their final secret,
we sometimes expect
to discover a flaw in Nature,
the world's dead point, the link that doesn't hold,
the thread that, disentangled, might at last lead us
to the center of a truth.
The eye rummages,
the mind pokes about, unifies, disjoins
in the fragrance that grows
as the day closes, languishing.
These are the silences where we see
in each departing human shade
some disturbed Divinity.

But the illusion dies, time returns us
to noisy cities where the sky is only
patches of blue, high up, between the cornices.
Rain wearies the ground; over the buildings
winter's tedium thickens.
Light grows niggardly, the soul bitter.
And, one day, through a gate ajar,
among the trees in a courtyard,
we see the yellows of the lemon trees;
and the heart's ice thaws,
and songs pelt
into the breast
and trumpets of gold pour forth
epiphanies of Light!

(translated by William Arrowsmith, Cuttlefish Bones, Norton)

 

Ascoltami, i poeti laureati
si muovono soltanto fra le piante
dai nomi poco usati: bossi ligustri o acanti.
lo, per me, amo le strade che riescono agli erbosi
fossi dove in pozzanghere
mezzo seccate agguantanoi ragazzi
qualche sparuta anguilla:
le viuzze che seguono i ciglioni,
discendono tra i ciuffi delle canne
e mettono negli orti, tra gli alberi dei limoni.

Meglio se le gazzarre degli uccelli
si spengono inghiottite dall'azzurro:
più chiaro si ascolta il susurro
dei rami amici nell'aria che quasi non si muove,
e i sensi di quest'odore
che non sa staccarsi da terra
e piove in petto una dolcezza inquieta.
Qui delle divertite passioni
per miracolo tace la guerra,
qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza
ed è l'odore dei limoni.

Vedi, in questi silenzi in cui le cose
s'abbandonano e sembrano vicine
a tradire il loro ultimo segreto,
talora ci si aspetta
di scoprire uno sbaglio di Natura,
il punto morto del mondo, l'anello che non tiene,
il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
nel mezzo di una verità.
Lo sguardo fruga d'intorno,
la mente indaga accorda disunisce
nel profumo che dilaga
quando il giorno piú languisce.
Sono i silenzi in cui si vede
in ogni ombra umana che si allontana
qualche disturbata Divinità.

Ma l'illusione manca e ci riporta il tempo
nelle città rurnorose dove l'azzurro si mostra
soltanto a pezzi, in alto, tra le cimase.
La pioggia stanca la terra, di poi; s'affolta
il tedio dell'inverno sulle case,
la luce si fa avara – amara l'anima.
Quando un giorno da un malchiuso portone
tra gli alberi di una corte
ci si mostrano i gialli dei limoni;
e il gelo dei cuore si sfa,
e in petto ci scrosciano
le loro canzoni
le trombe d'oro della solarità.

 

(Eugenio Montale, Genoa, 12 October 1896 – 12 September 1981)

You can listen this poem (and many others) read in Italian here.


Salvatore Di Giacomo – Na tavernella…

Na tavernella…

        Maggio. Na tavernella
ncopp' 'Antignano: 'addore
d' 'anèpeta nuvella;
'o cane d' 'o trattore
        c'abbaia: 'o fusto 'e vino
nnanz' 'a porta: 'a gallina
ca strilla 'o pulcino:
e n'aria fresca e ffina
        ca vene 'a copp' 'e monte
ca se mmesca c' 'o viento,
e a sti capille nfronte
nun fa truvà cchiù abbiento…
        Stammo a na tavulella
tutte e dduie. Chiano chiano
s'allonga sta manella
e mm'accarezza 'a mano…
        Ma 'o bbi' ca dint'o 'o piatto
se fa fredda 'a frettata?…
Comme me so' distratto!
Comme te si' ncantata!…

(Salvatore di Giacomo, Naples, 12 March 1860 – 4 April 1934)


Translation into Italian from Neapolitan by Pier Paolo Pasolini – Una trattoriola
)
Maggio. Una trattoriola / sopra ad Antignano: odore / di nepinella
fresca; / il cane del trattore / che abbaia: la botte del vino /
davanti alla porta: / la gallina che strilla al pulcino; / e un'aria
fresca e fine / che viene da sopra il monte, / che si mischia col
vento, / e a questi capelli in fronte / non lascia trovare pace… /
Stiamo seduti a un tavolino / tutti e due.
Piano piano / s'allunga questa manina / e mi carezza la mano… / Ma lo
vedi che dentro al piatto / si raffredda la frittata?… / Come mi son
distratto! / Come ti sei incantata!..

A Little Inn

May. At an inn above
Antignano: everywhere
the sweet aroma of
fresh calamint in the air;
the innkeeper's dog nearby,
barking; the barrel of wine
by the door; the hen's shrill cry
to her chick; a fresh and fine
breeze so softly flowing
from the mountain, mixing now
with the wind that keeps on blowing
my hair across my brow…
Here we are seated round
a small table, the two of us.
Slowly this slender hand
takes mine in its caress…
How cold the omelet's become
on the plate, unattended to…
Ah, how distracted I am,
ah, how enchanted are you…

(Translated by Michael Palma)

Francesco Petrarca – Aura che quelle chiome bionde e crespe (Breeze that surrounds those blond and curling locks)

<!–
@page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
–>

Aura
che quelle chiome bionde et crespe
cercondi et movi, et se' mossa
da loro,
soavemente, et spargi quel dolce oro,
et poi 'l
raccogli, e 'n bei nodi il rincrespe,

tu stai nelli occhi
ond'amorose vespe
mi pungon sí, che 'nfin qua il sento et
ploro,
et vacillando cerco il mio thesoro,
come animal che
spesso adombre e 'ncespe:

ch'or me 'l par ritrovar, et or
m'accorgo
ch'i' ne son lunge, or mi sollievo or caggio,
ch'or
quel ch'i' bramo, or quel ch'è vero scorgo.

Aër
felice, col bel vivo raggio
rimanti; et tu corrente et chiaro
gorgo,
ché non poss'io cangiar teco vïaggio?

(Francesco
Petrarca, Arezzo, 20 July 1304 – 19 July 1374)

Breeze
that surrounds those blond and curling locks,

that
makes them move and which is moved by them

in
softness, and that scatters the sweet gold,

then
gathers it in lovely knots recurling,

you
linger in the eyes whence wasps of love

sting
me – I feel it far as here and weep –

and
staggering I try to find my treasure

the
way a beast that shies and stumbles does;

I
seem to find her now, now I'm aware

I'm
far from her, relieved now, now deluded,

now
I see what I yearn for, now the truth./

O
happy air, remain with that alive

and
lovely ray;and you, clear running stream,

why
can I not exchange my course for yours ?

(Translation by Mark Musa, Petrarch, The Canzoniere)

Biagio Marin – Ninte no xe pasao

(In Grado dialect)

Ninte no xe pasao
e duto vive e xe presente;
un sielo solo levante e ponente,
un solo sol m'ha iluminao

I primi vogi che m'ha inamorao
xe qui che 'desso ríe
e infinite restíe
basa di e note el lío de Grao.

Ogni geri xe incúo
ansi xe 'desso,
ogni vento xe el messo
de Dio, nel sielo de velúo.

 E ninte mai more
nel mondo:
un solo, ma fondo
xe 'l corse de l'ore.

La mutassion origina el canto;
no 've paura de sparí;
dura un atimo el dí
ma xe eterno l'incanto.

 (Biagio Marin, Grado, 29 June 1891 – 24 December 1985)

Italian (Nulla è passato/ e tutto vive ed è presente;/un cielo solo levante e ponente,/un sole solo mi ha illuminato.// I primi occhi che mi hanno innamorato/ sono quelli che ora ridono,/ e infinite onde/ baciano giorno e notte il lido di Grado.// Ogni ieri è oggi/ anzi è adesso,/ ogni vento è il messo/ di Dio, nel cielo di velo. // Niente mai muore/ nel mondo: / uno solo, ma fondo/ è il corso delle ore.// La mutazione origina il canto; / non aver paura di sparire: / dura un attimo il dì/ ma è  eterno l'incanto.)

Nothing is past
and everything lives and is present;
one sky alone east and west
one sun alone has lit me.

The first eyes which made me fall in love
are here and are now laughing
and endless waves
kiss night and day the beach of Grado.

 Each yesterday is today
in fact it is right now,
each wind is the messenger
of God, in the velvet sky.

 And nothing ever dies
in the world:
the hours have only one course
but it is deep.

 Change is the source of song;
do not be scared to disappear;
the day lasts just one moment
but the enchantment lasts forever.

Vincenzo Cardarelli- Sera di Liguria

Lenta e rosata sale su dal mare
la sera di Liguria, perdizione
di cuori amanti e di cose lontane.
Indugiano le coppie nei giardini,
s’accendon le finestre ad una ad una
come tanti teatri.
Sepolto nella bruma il mare odora.
Le chiese sulla riva paion navi
che stanno per salpare.

Vincenzo Cardarelli, Corneto Tarquinia, Italy, 1 May 1887- Rome, 18 June 1959 

(Evening of Liguria
Slow and pink-hued, rising from the sea/comes the evening of Liguria, the ruin/of lovers’  hearts and far-off things./The couples linger in the gardens,/the windows light up one by one/like so many theatres./Buried in the mist the sea gives off its smell./The churches on the shore seem to be ships/ about to sail.)

Folgóre da San Gimignano – Marzo

Di marzo sí vi do una peschiera
di trote, anguille, lamprede e salmoni,
di dentici, dalfini e storïoni,
d’ogn’altro pesce in tutta la riviera;

con pescatori e navicelle a schiera
e barche, saettíe e galeoni,
le qual vi portino a tutte stagioni
a qual porto vi piace alla primiera:

che sia fornito di molti palazzi,
d’ogn’altra cosa che vi sie mestiero,
e gente v’abbia di tutti sollazzi.

Chiesa non v’abbia mai né monistero:
lasciate predicar i preti pazzi,
ché hanno assai bugie e poco vero.

Folgóre da San Gimignano (San Gimignano, Italy, c. 1270- 1332)

(March

In March, then, I give you a fishing ground/ with trout, eel, lamprey, salmon/dentex,dolphin and sturgeon/and every other fish along the coast;/with fishermen and  hosts of little ships/and boats and  saettias and galleons/to take you in any weather/to any port which you first like:/and let it be provided with many palaces/and any other thing which you may need,/and let there be people to entertain in every way./Let there be no churches and  no monasteries/let those mad preachers preach,/for they have many lies and hardly any truth.)